Che cos’è il coraggio

Molte persone pensano che il coraggio sia l’assenza di paura, anzi… molto spesso si confonde il coraggio con l’incoscienza e con la sfacciataggine.

Il coraggio in realtà non è né l’una né l’altra cosa. Vediamo di cosa si tratta.

La parola coraggio deriva dal latino  coraticum (per cuore) o – secondo alcuni –  cor habeo che significa ho cuore. Il coraggio quindi ha a che fare con il cuore. In che senso?

Nel senso che il coraggio si manifesta, o si dovrebbe manifestare, quando ciò che amiamo diventa più importante della paura. Che si tratti di un principio, di un’idea, della nostra vita, di una persona… se ciò che amiamo diventa più importante della paura al punto da spingerci a superarla – o meglio, ad agire nonostante essa – in quel momento noi abbiamo coraggio.

Il coraggio quindi nasce con l’amore ma si sviluppa attraverso un’azione: il coraggio presuppone che si agisca, spesso correndo anche qualche rischio.

Ad esempio, se tu fai una vita rassicurante, hai un lavoro che ti permette di avere un reddito fisso ma dentro di te sai che volevi, e forse dovevi, fare altro e sei disposto a cambiare pur sapendo che correrai qualche rischio, quella è una scelta coraggiosa.  Oppure se senti di dover dire qualcosa a qualcuno, qualcosa di importante e hai il cuore che ti muore in gola dalla paura ma gliela dici lo stesso, sei stato coraggioso.

Faccio un esempio ancora più terra terra ma calzante: il mio cane era talmente innamorato della cagnetta del mio vicino che pur di andare da lei ha scavalcato un cancello altissimo con il rischio concreto di farsi male; e infatti si fece un po’ male. Ogni volta che provava a scavalcare il cancello scivolava e cadeva giù ma ha tentato e ritentato finché non ce l’ha fatta. Cosa lo ha spinto? “L’istinto di riproduzione” – diranno i più – o anche, se vogliamo, l’amore per questa cagnetta. Vedere quella scena, vedere che il mio cane era disposto ad arrivare da lei ferito pur di vederla,  era per me vedere il filmato del coraggio.

Il coraggio presuppone quasi sempre di andare contro corrente, di fare qualcosa che i più non farebbero, presuppone che si lotti perché molte persone ti contesteranno. Ma se tu segui il cuore, agirai anche se hai paura.

Si noti bene: più si sviluppa il coraggio, più esso aumenta quindi quel tremore che si prova all’inizio piano piano svanirà e si diventerà sempre più coraggiosi. Ma soprattutto si diventerà sempre più fieri di se stessi e sempre più felici.

La floriterapia di Bach mette a disposizione due grandi aiuti per chi sente di essere poco coraggioso: Mimulus e Centaury. Mimulus è per le persone timide, insicure, per chi arrossisce, per chi balbetta, per chi pensa sempre di non potercela fare da solo e cerca attivamente l’aiuto degli altri, per chi sa di cosa ha paura.

Centaury è invece per chi si fa schiacciare dagli altri, per chi non riesce mai a dire di no, per chi vuole sempre accontentare  gli altri e mette se stesso in secondo piano fino quasi a diventare un servo. Questi rimedi danno a chi li assume la consapevolezza che si sta sbagliando e aiutano molto  durante un percorso di cambiamento. Sono entrambi due fiori tipologici nel senso che in floriterapia esistono 12 tipi di personalità ed esiste quindi il tipo Mimulus e il tipo Centaury.

Chi vuole iniziare a sviluppare il coraggio dovrebbe darsi degli obiettivi all’inizio piccoli e raggiungibili: non si può chiedere ad un tipo Mimulus di parlare in pubblico dall’oggi al domani perché sicuramente non ce la farebbe però egli può provare, ad esempio, a prenotare quell’appuntamento che tanto voleva prenotare e a prenotarlo lui, senza far parlare l’amica al telefono. Magari l’amica farà da incoraggiamento e sarà presente ma senza agire lei al posto dell’altro. E dopo che Mimulus  avrà fatto quella telefonata si sentirà così orgoglioso di sé che gli verrà spontaneo porsi un obiettivo più alto perché “sì, io ce la posso fare!!”.

Il coraggio, infatti, chiama altro coraggio; invece la paura, il restare fermi, il rimandare, bloccano la persona portando altra paura.

E se vogliamo essere felici, se vogliamo essere orgogliosi, se vogliamo vivere davvero… conviene scegliere il coraggio. Piano piano, a piccoli passi, facendo un percorso… ma conviene sceglierlo.

© Dhyana C. Tutti i diritti riservati.

 

Leggi anche:

Cosa sono i fiori di Bach e per cosa si usano

Quella sensazione di vuoto e di infelicità

MIMULUS: il fiore di Bach per chi ha paura di esporsi al mondo

L’amore bisognoso (e manipolatorio): le caratteristiche  il fiore di Bach CHICORY 

Precedente Perchè si è infedeli Successivo Quelle emozioni scambiate per innamoramento