Centaury è un’essenza ricavata dal fiore Centaurea minore o Cacciafebbre (Centaurium erythraea); appartiene al gruppo eccessiva sensibilità alle idee altrui (suggestionabilità), in cui troviamo anche Agrimony, Holly e Walnut.

Centaury è in realtà un soggetto molto forte, nel senso che ha grande energia e potenzialità, ma la sua forza (che, per quanto possa sembrare strano, gli viene proprio dalla sua sensibilità) è coperta dal bisogno di accontentare gli altri, di vederli felici. Lui, per vedere felici gli altri, si fa schiacciare pur non essendo contento di questa cosa. Non sa dire di no e non sa spiegarsi il perché, dice solo “non ci riesco”. In questo modo Centaury viene facilmente manipolato, strumentalizzato, ed etichettato come il “troppo buono” della situazione. Spesso è vittima di  bullismo e di mobbing, quest’ultimo favorito dal fatto che Centaury difficilmente va contro i suoi principi quindi difficilmente prenderà parte ad azioni che non condivide. Di conseguenza, i colleghi di lavoro spesso gli fanno mobbing.

Nonostante la debolezza di carattere, dobbiamo riconoscere che ci troviamo di fronte ad un soggetto molto intelligente e, a livello sentimentale, anche abbastanza maturo ed intuitivo, cioè che si rende conto delle cose, dei bisogni altrui e in realtà anche dei propri. Si rende perfettamente conto di essere usato, soffre moltissimo ma “non può farci niente” (così dice).

La cosa interessante di queste persone è che, una volta armonizzata la frequenza distorta, si trasformano letteralmente: vale a dire che una volta che l’assertività è stata sviluppata, quella debolezza e quel bisogno di accontentare gli altri diventano quasi un vago ricordo ed esce fuori il vero carattere: un carattere che, a dispetto delle sovrastrutture, è davvero energico, potente, pieno di risorse. Ho riscontrato che una caratteristica di Centaury è infatti la sua grande produttività, probabilmente è anche per questo che certi genitori – ritenendolo “scomodo” – lo reprimono fin da piccolo, fino a farlo diventare servile.

Il problema di Centaury, il suo errore (per usare una terminologia di Bach) ha quindi a che fare con il concetto di autodeterminazione e con il dare valore ai propri desideri e diritti.

Centaury ha due difficoltà fondamentali:

  1. essendo buono, pensa che anche gli altri lo siano, così si fa imbrogliare e sottomettere, cadendo spesso vittima di malintenzionati;
  2. è vittima anche di persone ben disposte, cioè che non hanno intenzione di fargli del male ma che lo cercano anche solo per sfogarsi, per parlare, succhiando la sua disponibilità; insomma, attira i cosiddetti vampiri energetici.

Entrambe le problematiche hanno a che fare con i confini: Centaury non mette confini, permette a chiunque di entrare e, spesso, soffre per l’eccessivo surmenage a cui va incontro. Lui cerca, attraverso questa instancabile dedizione, di essere amato e riconosciuto (“se fai il bravo la mamma ti vuole bene”).  Cedendo sempre alle richieste dell’altro, piegandosi continuamente, non cresce e resta – di fatto – infantile, non si sviluppa. In realtà, a livello inconscio, il loro servire gli altri è proprio un modo per non crescere, per non prendere decisioni (“io ti servo, tu occupati di me”). Per questo motivo i Centaury sono attratti (ed attirano) persone dominanti.

Bisogna inoltre tenere presente che in uno stato Centaury è anche presente un vero complesso di inferiorità – che in floriterapia corrisponde al fiore Larch – e un’angoscia fortissima perché il soggetto soffre inevitabilmente. Probabilmente il Centaury è anche molto predisposto a nevrosi e sicuramente anche a tentativi di suicidio.

Centaury tende spesso ad emanare segnali contrastanti con le parole e il corpo: un conto è dire no con un gran sorriso, un altro è dire no con espressione seria. Il linguaggio non verbale, come ormai sappiamo tutti, arriva prima di quello verbale. Molti Centaury spesso si sforzano di dire di no ma – poiché al tempo stesso non vogliono deludere l’altro – dicono di no con un gran sorriso (quasi a dire “ti dico di no ma ti prego, amami lo stesso”) e quindi l’interlocutore/il venditore/il malintenzionato si avvicina ancora di più. I Centaury hanno inoltre la tendenza a camminare con la schiena incurvata, mostrando così anche esteriormente la loro tendenza alla sottomissione e il ritenere di valere poco.

Esaminando meglio la tipologia Centaury scopriamo che ci troviamo di fronte ad una persona molto empatica e quindi ad un possibile ottimo terapeuta. Queste persone diventano infatti, una volta “guarite”, delle buone guide, dei buoni terapeuti e/o psicologi proprio perché riescono ad intuire facilmente cosa prova l’altro e di cosa ha bisogno. Ho  inoltre riscontrato che nella stessa persona possono convivere sia Centaury che Chicory, due stati che in qualche modo si compensano a vicenda dando l’illusione di equilibrio: ad esempio una donna può essere Centaury con suo marito e poi, per dimostrare a se stessa di valere qualcosa, diventa Chicory – Vine con la figlia. Si tratta quindi, sostanzialmente, di quelle persone che sono deboli con i forti e forti con i deboli. 

Il rimedio floreale si usa non solo nel caso di tipologie caratteriali ma anche nelle dipendenze affettive e in tutti i casi in cui la persona è sottomessa a qualcosa, ad esempio nell’alcolismo o nella tossicodipendenza. E’ utile per riprendersi dopo una convalescenza (anche per portare energia ad animali e piante debilitate), in caso di insufficienza circolatoria (varici), abbassamento delle difese immunitarie e in caso di sessualità repressa; è raccomandato a chi si accontenta di poco, a chi si fa amare male pur di ricevere un briciolo di attenzione che viene scambiata per amore, a chi dice troppo spesso “grazie” (anche quando non c’è nulla da ringraziare), a chi non ha amor proprio,  a chi si svaluta, a chi non dà valore a ciò che fa. Serve  a chi perde di vista la propria vita e i propri obiettivi per servire passivamente qualcuno.

Durante il trattamento è facile che si passi da uno stato Centaury ad uno stato Holly (rabbia)  per via della consapevolezza che affiora: “come ho fatto a farmi trattare finora così?” Ma lo stato Holly può subentrare anche quando, non assumendo le essenze, il tipo Centaury, dopo aver sopportato soprusi ed angherie, scoppia (Holly) e poi si sente in colpa (Pine). Non a caso Dietmar Kramer parla proprio di binario Centaury – Holly – Pine.

Il rimedio aiuta la persona a prendere consapevolezza del suo valore e dei suoi diritti. Il tipo Centaury, una volta armonizzato, mantiene tutta la sua sensibilità, la sua generosità e la sua produttività, ma impara – finalmente – a difendersi.

PREPARAZIONE DEL RIMEDIO: metodo del sole;

GRUPPO 1: suggestionabilità (eccessiva sensibilità alle idee altrui);

GRUPPO 2: fiori tipologici (Vergine).

NB: Secondo la teoria dei binari di Kramer, Centaury non andrebbe mescolato con Holly e Pine contemporaneamente (cioè non andrebbero messi tutti e tre nella stessa miscela).

© Dhyana C. Tutti i diritti riservati

——————————————–

Leggi anche:

Fiori di Bach: quando il trattamento non funziona

L’amore bisognoso (e manipolatorio): le caratteristiche e il fiore di Bach CHICORY

Cosa significa realmente fare un percorso spirituale

Identikit dell’invidioso

—> Contattami per effettuare con me una CONSULENZA ONLINE FIORI DI BACH