Ho due cani: uno pacifista e – a tratti- un po’ menefreghista, l’altro passionale ed attaccabrighe.
Succede che l’attaccabrighe prova puntualmente a sfidare il pacifista: gli va davanti, gli ringhia fino a sgolarsi, si mette persino sulla sua poltrona con aria provocatoria e gli ringhia da lì.
E l’altro sapete cosa fa? Scodinzola. Non lo considera proprio, anzi gli scodinzola fino a quando l’attaccabrighe smette. A volte lo guarda persino con aria compatita, perché per lui è più importante mantenere la serenità che perdere energie litigando.
Ecco, penso che in certe situazioni bisognerebbe fare come il mio cane: scodinzolare e continuare a scodinzolare, proteggendo il proprio benessere anche quando qualcuno vuole provare a togliercelo.

I miei cani però mi hanno insegnato anche altre cose: innanzitutto a rispettare, e a far rispettare, i confini. Il cane è territoriale e noi, spesso, dimentichiamo quanto sia importante difendere i nostri spazi; dimentichiamo di ringhiare e di arrabbiarci se qualcuno li invade, così come dimentichiamo che il nostro istinto ci dice subito se possiamo fidarci di qualcuno oppure no.

Inoltre mi hanno insegnato l’importanza di prendere il sole, sempre, anche d’inverno. Non per la tintarella ma perché l’energia solare è curativa, e gli animali  lo sanno bene.

Grazie alla convivenza con i cani ho inoltre notato che urlare non serve per farsi rispettare, anzi, il vero leader è qualcuno che sa mantenere l’autorevolezza senza perdere la calma. I cani mi hanno fatto capire che i saponi possono essere troppo aggressivi e che a volte può essere più benefico “rotolarsi” nell’argilla; mi hanno mostrato che la cattiveria nasce sempre dalla sofferenza, dal fare una vita che va contro la proprio natura e che più si soffre più si può diventare aggressivi.

E se è vero, come diceva A. Schopenauer, che “chi non ha mai avuto un cane non sa cosa vuol dire essere amato” è vero anche, secondo me, che chi non ha mai avuto un gatto non sa cosa vuol dire svegliarsi ed addormentarsi a suon di fusa (e trovo che questa sia una delle esperienze più belle in assoluto).

Foto by Pixabay

Ma soprattutto, gli animali mi hanno mostrato che ci si può divertire con poco; che l’amore e l’alleanza non hanno confini e che quando ti fidi, ti fidi e basta e metteresti tutta la tua vita nelle mani dell’altro, proprio come fanno loro con noi. E che anche una malattia o una casa spoglia, o un pasto poco ricco, rappresentano problemi di secondo piano se si respira un clima di amore perché la presenza dell’affetto è sempre la prima cosa che si percepisce.

Gli animali mi hanno insegnato a rispettare la morte e ad onorarla, ad essere presente – ma non invadente – nel passaggio da questa vita all’altra vita e ad interrompere le terapie quando è il momento di prepararsi per l’ultimo saluto. 

Il rispetto per la vita, così come il rispetto per la morte, l’ho imparato da loro ed io gliene sarò sempre – infinitamente – grata.

Autrice: Dhyana C. – Verde speranza blog (www.verdesperanza.net)

NB. Sebbene l’intero articolo riporti come data di pubblicazione il 29 dicembre 2019, la prima parte di esso e la citazione “chi non ha mai avuto un gatto non sa cosa vuol dire svegliarsi ed addormentarsi a suon di fusa” le avevo già pubblicate nell’inverno 2017-2018 sul mio profilo facebook.

© Dhyana C. – Verde speranza blog (www.verdesperanza.net). Tutti i diritti riservati. E’ severamente vietato riprodurre questo testo altrove – anche modificando le parole – senza citare la fonte. —> Se non vuoi incorrere in sanzioni, vai a  Come usare a norma di legge i miei articoli.

Foto by Pixabay

——————————————–

Leggi anche:

Oggi fare l’Università serve o non serve?

A cosa serve realmente viaggiare

Perché la chiarezza è un dovere

La fedeltà è una “questione di rispetto”?

—> Seguimi su FACEBOOK