descrizione degli esagrammi i ching

Esagramma n. 37: La casata

Il 37 è un esagramma che, ispirandosi alla famiglia cinese (per lo meno a quella di un tempo) parla di regole, di ordine, di costanza e di disciplina. Ha un nome che può portare a fraintendimenti: uno fa una domanda sull’amore, si vede arrivare il 37 e se la traduzione dell’esagramma è stata fatta con “la famiglia” penserà che sì, andrà tutto bene con la tipa o il tipo, “magari metteremo anche su famiglia”! Invece bisogna fare attenzione: il 37 parla di regole, ti dice che devi mettere le regole, che devi rispettare i ruoli ed esserne coerente. Questo è il senso del 37.

“Così il nobile è coerente nelle sue parole

e costante nelle sue azioni.”

(cit. dal libro I Ching, a cura di R. Wilhelm, es. 37)

Leggendo il significato sul libro di Wilhelm, vediamo che si parla di famiglia e del ruolo che ognuno ha all’interno sia della casa che del sistema familiare: la donna fa alcune cose, l’uomo altre e i figli altre. La cosa più importante sono i rapporti, ordinati, tra marito e moglie, l’autorità dei genitori; quando esce questo esagramma bisogna quindi chiedersi come ci si sta comportando in relazione ai propri doveri, se si è coerenti e costanti con ciò che si deve/non deve fare.

“Quando il padre è davvero padre e il figlio è figlio, quando il fratello maggiore funge veramente da fratello maggiore e il minore funge da fratello minore, quando il marito è davvero marito e la moglie è moglie, allora nella casata regna l’ordine. Se nella casata regna l’ordine, allora tutti i rapporti sociali dell’umanità rientrano nell’ordine. […]”

(I Ching, a cura di R. Wilhelm, es. 37)

Foto di Markus Wiknler, da Pixabay

“Solo se le parole sono concrete, solo se si riferiscono chiaramente a determinate situazioni, esse possiedono influsso. Discorsi e ammonimenti generici rimangono senza alcun effetto. Inoltre le parole devono essere sostenute da tutto il comportamento […] Quando parola e comportamento non concordano e non sono coerenti l’effetto viene a mancare.”

(I Ching, a cura di R. Wilhelm, es. 37)

Vediamo ora le singole linee:

-nove all’inizio: questa linea dice che bisogna cominciare da subito a introdurre l’ordine e a far capire quali sono le regole, onde evitare che la mancanza di disciplina crei problemi in futuro, difficili da risolvere.

-sei al secondo posto: in questa linea si parla della donna di casa, dei suoi doveri verso i familiari e di come questi doveri la facciano diventare il nucleo della vita religiosa e sociale della famiglia. La linea vuole intendere che la donna (o comunque la persona a cui si riferisce la risposta dell’oracolo) deve limitarsi ai doveri già esistenti.

-nove al terzo posto: qui la linea dice che bisogna mettere dei limiti entro cui agire in modo che nella disciplina non si debba poi eccedere né nella tolleranza né nella severità. Ad ogni modo – dice la linea – quando non si sa come agire è meglio essere severi che indulgenti.

-sei al quarto posto: questa linea esprime la necessità di amministrare bene gli affari di famiglia, cioè le entrate e le uscite economiche.

-nove al quinto posto: qui si afferma che un uomo con atteggiamenti paterni, ricco di spirito, non agisce in modo che si debba temerlo ma – con il suo carisma – esercita fiducia e autorevolezza (in base al tipo di domanda potrebbe quindi essere un invito a farsi rispettare senza impaurire gli altri).

-nove al sesto posto: questa linea dichiara che il padrone di casa, in virtù del suo importante ruolo, deve coltivare la sua personalità poiché da lui dipende il benessere familiare.

Autrice: dott.ssa Dhyana Cardarelli – Verde speranza blog (www.verdesperanza.net)

© Dott.ssa Dhyana Cardarelli – Verde speranza blog (www.verdesperanza.net). Tutti i diritti riservati. E’ severamente vietato riprodurre questo testo altrove – anche modificando le parole – senza citare la fonte. —> Se non vuoi incorrere in sanzioni, vai a Come usare a norma di legge i miei articoli. Verde speranza blog utilizza appositi programmi per scoprire eventuali copie illecite dei contenuti di questo sito.

Articolo già pubblicato sul Verde speranza magazine di aprile 2021

Tutte le foto presenti in questo sito sono state prese da Pixabay.

——————————————–

EHI!!! HAI SCARICATO LA GUIDA  SUI FIORI DI BACH TIPOLOGICI??

CORRI A PRENDERLA, E’ GRATUITA E TI AIUTERA’ A CAPIRE

QUAL E’ IL  FIORE DI CUI HAI PIU’ BISOGNO!

CLICCA QUI

Leggi anche:

Come consultare l’I Ching (guida pratica per principianti)

Esagramma n. 18: L’emendamento delle cose guaste

Esagramma n. 56: Il viandante

Esagramma n. 44: Il farsi incontro

Se ti è piaciuto quello che ho scritto condividilo!

DHYANA VERDE SPERANZA

Ciao, sono Dhyana e da piccola sognavo di cambiare il mondo ma tutti mi dicevano che non era possibile. Col passare del tempo ho capito che è vero, non è possibile, ma si può partire da se stessi, migliorarsi, crescere ed essere così di esempio - e di aiuto -anche agli altri.
Oggi, dopo aver tanto studiato e vagato insieme al mio cane tra un luogo e l'altro, la mia missione si è delineata e finalmente posso dedicare la mia vita ad una vocazione felice: mi occupo di relazione d'aiuto per il benessere emotivo, attraverso consulenze olistiche e counseling espressivo.
Se vuoi conoscermi meglio clicca su Chi sono oppure scrivimi a verdesperanzablog@libero.it
Ti aspetto!!

Potrebbe piacerti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *