Water violet (nome italiano: violetta d’acqua) è il fiore di Bach che rappresenta quel tipo di persona che non sente il bisogno (o comunque non desidera) interagire con il mondo circostante in quanto si sente autosufficiente, forse anche superiore, e quindi – per certi versi – percepisce gli altri “non alla sua altezza”. Alla base di questa personalità c’è sicuramente una certa apatia e tendenza all’asocialità, connesse ad un appiattimento della sfera emozionale.

A livello tipologico, Water violet è gelosissimo della sua vita, della sua indipendenza e della sua libertà, non ama intromissioni, è il classico tipo “vivi e lascia vivere” quindi non disturba e non vuole essere disturbato, nella maniera più assoluta.

Bisogna qui precisare che Water violet è un tipo oggettivamente saggio, una persona colta, con una grande capacità di comprensione; è un soggetto talentuoso,  intelligente, con un microcosmo assai ricco, ama leggere ed ha  anche  determinati interessi spirituali; è molto ricercato per i suoi consigli e quando li dà, i suoi consigli sono sempre buoni; offre nuovi punti (e spunti) di vista. Il punto è che poi, proprio a causa di questa sua saggezza, trova arida la vita con gli altri: vorrebbe persone simili a lui e poiché fa fatica a trovarle si sente a disagio,  si ritira dal mondo piano piano, appiattendo la sua sfera emozionale e sentendosi fuori posto, incompreso. E’ come se pensasse “cosa posso condividere con gli altri? Se parlo di determinate cose non mi capirebbero”.

Questo senso di incomprensione fa sentire Water violet notevolmente solo, sebbene la sua sia una solitudine cercata e voluta, ed è per questo che è il terzo fiore del gruppo solitudine.

Un aspetto di Water violet può anche essere il preferire i messaggi alle telefonate. Spesso il tipo Water violet preferisce interagire per messaggio, non perché abbia qualcosa contro le telefonate o contro quella persona in particolare, ma perchè il messaggio gli dà un senso di maggiore libertà e di maggiore distacco.

Nota bene: Water violet non è una tipologia di persona che “se la tira”; è un individuo che si sente realmente solo; la solitudine la vuole lui e la sua superiorità – spesso – è altrettanto realetuttavia non è che fa pesare agli altri il percorso che ha fatto, né la sua maggiore capacità di comprensione. Piuttosto che farlo pesare, infatti, si distacca. Si potrebbe dire che il suo distacco sia al tempo stesso una forma di difesa e una forma (eccessiva) di rispetto verso l’altro.

Distaccandosi, però, Water violet crea a sua volta altrettanto distacco perchè i suoi amici lo percepiscono come disinteressato e quindi i suoi rapporti spesso svaniscono nel nulla.

La cosa positiva di Water violet, che per queste sue caratteristiche è stato associato al segno dell’acquario, è che nel suo stato disarmonico non perde la sua saggezza e non tratta male gli altri; la cosa negativa è che o non si rende conto del suo problema o non vuole risolverlo perché “sta bene così”.

L’aspetto disarmonico è dato solo dal ritiro e dall’appiattimento emozionale, non a caso questo fiore si utilizza anche per trattare casi di autismo e per tutte le patologie che portano ad isolarsi dagli altri.

E’ consigliabile assumere questa essenza ogni volta che si ha la sensazione di ritirarsi dal mondo; l’assunzione conferisce la capacità di partecipare serenamente alla vita sociale.

PREPARAZIONE DEL FIORE: metodo del sole;

GRUPPO 1: solitudine;

GRUPPO 2: fiori tipologici (Acquario).

NB: Secondo la teoria dei binari di Kramer, questo fiore non andrebbe mescolato con Chestnut bud e Beech contemporaneamente (cioè non andrebbero assunti tutti e tre insieme).

©  Dhyana C. Tutti i diritti riservati.

——————————————–

Leggi anche:

Fiori di Bach: quando il trattamento non funziona

Fiori di Bach: quali sono, classificazione e utilizzo generale

Domande frequenti sull’assunzione dei fiori di Bach

Frequentare chi la pensa diversamente da noi: fino a che punto è possibile?

—> Contattami per effettuare con me una CONSULENZA ONLINE FIORI DI BACH