capire se stessi e gli altri

Dopo la morte non c’è subito la rinascita: ci vuole il vuoto

Fine di febbraio.
Sembra che non sia più inverno ma non è ancora del tutto primavera; fa freddo ma alcuni alberi hanno già le gemme; abbiamo finito di “morire per bene” ma non siamo ancora rinati.
Credo che sia un errore affrettarci a volere già la primavera perché in realtà secondo me questo vuoto, questo tempo sospeso “né carne e né pesce” è qui per permetterci di riflettere,  per farci preparare a ricevere ciò che sarà. Come per dire: “sto arrivando, hai ancora un mese di tempo! Fatti trovare pronto/a!”

Perché in realtà – l’ho capito – il vuoto è di fondamentale importanza.

Sentiamo sempre dire che a una morte segue una rinascita, che la morte porta con sé un seme, ed è vero… ma si dimentica la parte più importante: il vuoto che sta in mezzo. Dopo la morte, infatti, non c’è subito la rinascita: ci vuole il vuoto, il sacro riposo, il silenzio. La notte durante la quale possono nascere i fiori.

Ecco, in questo momento, in questa fine di febbraio, mi sento di dire che siamo nella fase del silenzio.

Il silenzio che precede.

Il silenzio necessario.

Autrice: dott.ssa Dhyana Cardarelli – Verde speranza blog (www.verdesperanza.net)

[Ultimo aggiornamento all’articolo: 13 febbraio 2022]

© Dott.ssa Dhyana Cardarelli – Verde speranza blog (www.verdesperanza.net). Tutti i diritti riservati. E’ severamente vietato riprodurre questo testo altrove – anche modificando le parole – senza citare la fonte. —> Se non vuoi incorrere in sanzioni, vai a Come usare a norma di legge i miei articoli. Verde speranza blog utilizza appositi programmi per scoprire eventuali copie illecite dei contenuti di questo sito.

Tutte le foto presenti in questo sito sono state prese da Pixabay.

——————————————–

Leggi anche:

La differenza tra turista e viaggiatore è che il viaggiatore cerca se stesso

Quella sensazione di vuoto e di infelicità (e l’importanza di usare i propri talenti)

Quei consigli non richiesti (e fuori luogo!)

Domande frequenti sull’assunzione dei fiori di Bach

Se ti è piaciuto quello che ho scritto condividilo!

DHYANA VERDE SPERANZA

Ciao, sono Dhyana e da piccola sognavo di cambiare il mondo ma tutti mi dicevano che non era possibile. Col passare del tempo ho capito che è vero, non è possibile, ma si può partire da se stessi, migliorarsi, crescere ed essere così di esempio - e di aiuto -anche agli altri.
In questo blog condivido con te quello che ho imparato, quello che ho vissuto e come io vedo il mondo!
Scrivimi a info@verdesperanza.net

Potrebbe piacerti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *