La figura del counselor è nata in America negli anni ’50 e i suoi pionieri sono Carl Rogers e Rollo May. Da quando si è diffusa questa professione, il mondo degli psicologi e degli psicoterapeuti si è scagliato contro di lei sostenendo che i counselor rubano il loro lavoro.

Questi tre professionisti hanno in realtà formazioni e competenze diverse e vanno ricercati per esigenze differenti.

Psicoterapeutaè l’unico dei tre che può fare, come dice il nome, la terapia. Questa figura si occupa  di aiutare la persona a superare quei momenti di intensa sofferenza per i quali il sostegno dello psicologo non è sufficiente: disturbi nevrotici, problemi di ansia e depressione, blocchi emotivi molto forti di cui il paziente si rende conto e  che gli creano difficoltà nella vita quotidiana. La psicoterapia mira a ristrutturare la personalità del paziente (che in questo caso si chiama proprio paziente) e può durare a lungo, anche anni. Per diventare psicoterapeuta bisogna essere in possesso di laurea quinquennale in psicologia oppure medicina, essere iscritti all’albo (degli psicologi o dei medici) ed aver fatto un corso quadriennale di psicoterapia (il tutto con relativi tirocini e percorso psicoterapeutico su se stesso). La formazione è lunga perché appunto mira alla terapia. Va comunque precisato che le persone che si rivolgono allo psicoterapeuta non sono persone necessariamente con problemi o con grandi sofferenze, spesso infatti chi si rivolge a questo professionista vuole semplicemente fare un percorso interiore, vuole raggiungere determinati obiettivi, vuole stare meglio. In poche parole, potrebbe andare benissimo dallo psicologo ma preferisce lo psicoterapeuta.

Psicologolo psicologo ha una laurea quinquennale in psicologia, è iscritto all’albo e ha svolto i relativi tirocini. Si occupa di fare consulenze, di fare sostegno psicologico a persone in difficoltà ma che comunque non necessitano di psicoterapia, si occupa di prevenzione del disagio, di fare diagnosi e di effettuare test. E’ molto esperto nel campo dell’apprendimento e dell’intelligenza. Svolge servizio in proprio oppure presso consultori, scuole, aziende, comunità. A differenza del counselor, può scavare nel passato, fare domande e fornire interpretazioni su ciò che il paziente espone.

Foto by Pixabay

Counselor: il counselor è un professionista che ha effettuato un corso triennale – privato – di counseling, con relativo tirocinio. La professione di counselor, di cui esistono vari orientamenti ma quello “puro” è quello rogersiano, attualmente non è ancora riconosciuta dallo Stato italiano (così come quella di naturopata, floriterapeuta ecc.) e si presenta come libera professione consentita dalla legge, quindi ogni scuola stabilisce un certo monte ore di lezioni e di tirocinio. Attualmente si può frequentare una scuola di counseling anche con il solo diploma di scuola superiore; va inoltre sottolineato che la frequenza ad una scuola professionalizzante, sebbene sia fortemente consigliata, non è obbligatoria poiché – appunto – si tratta di una professione non regolamentata dallo Stato. 

Il counselor si occupa di chiarificazione,  cioè di far sì che il cliente (qui si chiama cliente!) si chiarisca i propri dubbi in merito ad una scelta o ad un problema specifico guardando dentro se stesso. E’ un intervento breve (generalmente di 5-6 incontri) svolto su soggetti sani ed è compito del professionista rendersi conto di quando si ha bisogno di un aiuto più incisivo (e qui scattano spesso le polemiche poiché il counselor non possiede strumenti diagnostici e anche se li avesse non sarebbe comunque autorizzato ad effettuare diagnosi). Egli fa in modo che il cliente arrivi da solo alla soluzione del problema riformulando ciò che l’interlocutore dice in modo che questi, specchiandosi, abbia una visione più lineare e distaccata di ciò che sta vivendo

Cosa non fa: il counselor non dà consigli di nessun tipo (questo è molto importante poiché molti pensano che il counselor dia consigli); non consola; non fa diagnosi (o analisi) psicologiche; non scava nel passato; non interpreta; non effettua test; non fa consulenze e, per lo meno il counselor puro (di stampo rogersiano), non fa domande. La sua funzione è quella di riformulare – senza togliere e senza aggiungere (sembra facile ma non lo è!) – al fine di favorire la riflessione (se il vostro counselor vi dà consigli, pareri o giudizi, molto probabilmente sta lavorando male. Sappiatelo.)

A partire dal modello rogersiano sono nate varie scuole di counseling ma – a mio parere – spesso in queste scuole si insegnano troppe tecniche e si finisce per preparare gli allievi ad una professione che non è realmente quella del counselor o che sfocia troppo in quella di psicologo. Io penso che se i counselor facessero davvero i counselor, gli psicologi non avrebbero motivo di “arrabbiarsi” con loro. Inoltre, sebbene i counselor battano molto sul fatto che essi lavorano su “soggetti sani” va ricordato che anche gli psicologi possono lavorare con soggetti sani, semplicemente si avrà una prestazione diversa poiché uno può interpretare e scavare nel passato, l’altro no. La vera differenza da marcare dovrebbe essere sull’esperienza che fa il cliente e non sul sano/non sano.

Di queste tre figure, l’unica che ha attualmente l’obbligo di aver fatto un certo monte ore di terapia su se stessa prima di prestare servizio lavorativo è quella dello psicoterapeuta ma non sono d’accordo su questa esclusiva perché credo che in qualsiasi professione di aiuto bisogna “concedersi” agli altri il più puliti possibile. Anche nelle scuole di counseling, per lo meno in quelle più serie, gli studenti sono tenuti a fare terapia su se stessi onde evitare pericolose proiezioni.

Bisogna infine precisare che oggi il termine “counselor” viene utilizzato nel linguaggio colloquiale anche per definire un semplice consulente, esperto in un determinato settore; prestate quindi attenzione perché chi si definisce counselor può anche non aver seguito una scuola triennale professionalizzante.

Autrice: Dhyana C. – Verde speranza blog (www.verdesperanza.net)

NB. Questo articolo, sebbene riporti come giorno di pubblicazione il 15 giugno 2018, è stato scritto precedentemente (tra il 2017 e il 2018) ed era già pubblicato sul Verde speranza blog ospitato da Wix e Altervista. – Ultimo aggiornamento all’articolo: 15 gennaio 2020, ore 16:00.

© Dhyana C. – Verde speranza blog (www.verdesperanza.net). Tutti i diritti riservati. E’ severamente vietato riprodurre questo testo altrove – anche modificando le parole – senza citare la fonte. —> Se non vuoi incorrere in sanzioni, vai a Come usare a norma di legge i miei articoli.

——————————————–

Leggi anche:

La psicoterapia vista da un’ex paziente

Ossessioni e fissazioni: cosa sono, come nascono e cosa può fare il fiore di Bach WHITE CHESTNUT

L’inconscio e la struttura della personalità secondo Freud

Jung: la separazione da Freud e l’idea di inconscio collettivo

–> Seguimi su FACEBOOK

Foto by Pixabay